Il mondo antico

Scritto da Uoitalia Reborn on . Postato in Uncategorised

 

L'Umanità ed il mondo in cui viviamo sono molto antichi. Molto più antichi di quanto l'uomo comune possa immaginare e senz'altro molto più antichi di quanto la Storia Ufficiale accreditata e universalmente accettata riconosca.
E' opinione comune che poco più di due millenni siano trascorsi da quando i nostri antenati abbandonarono il nomadismo, la vita tribale, e stabilirono le prime comunità urbane nella pianura in cui ora sorge la città di Britain. E' opinione comune che le altre razze più o meno civilizzate, più o meno senzienti che popolano il nostro mondo siano sempre esistite ed abbiano fino a un certo punto convissuto con l'Umanità in pace ed armonia; è opinione comune che solo un empio peccato di superbia abbia potuto scatenare le forze del Caos nel nostro mondo; è opinione che tutto il Male discenda da quel primitivo e folle gesto di superbia di un gruppo di maghi spinti dall'ansia di conoscere e di dominare le misteriose forze della natura.

Troverai molto poco di tutto questo, caro lettore, se avrai pazienza di seguirmi nella mia ricostruzione. Dovrai imparare da zero a pensare in un nuovo modo. L'umanità e il mondo in cui viviamo sono molto più antiche di quello che il Clero di Sosaria pretende di testimoniare con documenti la cui veridicità non è mai stata provata.

Un grande, terribile incidente ci fu. Questo è innegabile. Possiamo far risalire la data di quel terribile sconvolgimento a un periodo approssimativamente compreso fra i 200 e i 250 anni solari dai giorni nostri.

Sbaglia chi parla di un improvviso e definitivo sconvolgimento; i documenti di cui sono venuto in possesso mi fanno piuttosto pensare che si sia trattato di sconvolgimenti durati almeno per l'arco di una generazione. Questo è il primo fatto che ti espongo. Non ci fu alcun peccato originale, alcuna cacciata dal Paradiso Terrestre, alcuna improvvisa apertura del Vaso di Tutti i Mali. Ci furono cataclismi; ci furono terremoti; ci furono eruzioni vulcaniche; ci furono sprofondamenti di interi continenti, mentre altri continenti sorsero dal fondo degli oceani; ci furono squarci per noi incomprensibili nella struttura stessa della nostra 'realtà', che posero il nostro mondo a diretto contatto con altri mondi, altre dimensioni mai immaginate prima; ci fu la liberazione di un grande potere che sfuggì al controllo degli improvvidi apprendisti stregoni che lo liberarono.

Ma nessuno è in grado di dire cosa ci fosse prima. O almeno, nessuno era in grado di dirlo con certezza. Il Clero di Sosaria ha sempre scoraggiato ogni tentativo di ricercare Verità scomode che non si conciliassero con la verità del loro Libro Sacro.

Secondo la Storia Ufficiale prima regnavano pace ed armonia; l'umanità era felice e spensierata, unificata sotto la guida del leggendario Re Lord British. Le Legioni di Lord British assicuravano la pace e la convivenza dell'umanità con le altre razze intelligenti e civilizzate, i commerci e le arti prosperavano mentre sotto la guida illuminata dell'Arcivescovo di Britannia, l'altrettanto leggendario Patrizio di Nujel'm, le coscienze di tutta l'umanità erano pure e volte al Bene supremo, al lavoro ed alla contemplazione delle meraviglie del Creato.

I documenti di cui sono entrato in possesso, gli innumerevoli reperti che ancora si trovano scavando nei sotterranei dei più antichi siti urbanizzati, o gettando le reti da pesca negli strani fondali bassissimi che si trovano poco al largo di alcune delle nostre grandi isole, tutti raccontano una storia diversa.

Raccontano sì di un grande impero unito e prospero. Ma raccontano anche di un impero umano in tutto e per tutto. La cui società era sì prospera ed evoluta, ma anche viziata dei più comuni difetti che contraddistinguono l'animo umano.

I reperti trovati sepolti sotto pochi centimetri di sabbia del fondale poco al largo di Britain, in particolare le 'Tavole della Legge' (sempre che la mia traduzione sia corretta) parlano di una società rigidamente organizzata in caste; al culmine della piramide, la nobiltà, il clero, poche sette di magi e - non sono riuscito a trovare una parola che esprimesse il concetto nella nostra lingua - i 'tecnocrati'. Poi vi era una discreta minoranza di artigiani, scribi e commercianti, considerati liberi cittadini; infine vi erano i servi. La natura e il grado della loro sudditanza ed oppressione non mi sono chiari. Mi è invece molto chiaro che le grandi Legioni di Britannia non servivano solo a proteggere l'armonia di quei giorni felici ma soprattutto a mantenere un ferreo controllo sulle classi inferiori. Ed a consolidare quell'organizzazione per caste ci pensava l'antico Clero, perennemente alleato del potere temporale.

Facevano una vita a sé i magi ed i tecnocrati. Entrambe le categorie erano onorate e rispettate (e temute) perché fornivano al potere temporale gli strumenti fisici e metafisici per mantenere immutata l'organizzazione sociale di quei tempi."

Ma fra 'tecnocrati', clero e magi non correva affatto buon sangue; altro non posso dedurre da diversi manoscritti, attribuibili a diverse fonti, che descrivono i tre gruppi come in perenne contrasto l'uno con l'altro: il Clero si sentiva oltraggiato dai magi perché questi gli sottraevano il monopolio sulla metafisica, e dai 'tecnocrati' per la loro visione materialistica e strumentale del mondo; i magi non sopportavano la cerimoniosità e le restrizioni che il Clero pretendeva di imporre ad ogni tentativo di penetrare i misteri del sovrannaturale, mentre erano costantemente in disputa con i 'tecnocrati' per il valore delle armi e degli strumenti che fornivano al potere temporale; i 'tecnocrati' criticavano con pesante ironia e denunciavano come falsità ogni 'verità' proclamata dal clero, ed erano indispettiti per il fatto di non avere il monopolio sugli strumenti di potere che venivano forniti ai regnanti.

Un'altra cosa apparentemente certificata da questi documenti e da altre ricerche archeologiche che ho condotto, è l'inesistenza di altre razze intelligenti nel nostro mondo prima della grande catastrofe. In nessuno dei documenti da me esaminati si fa mai cenno ad altri popoli senzienti, quale il popolo elfico o quello orchesco o altri ancora. Mentre abbondano le descrizioni di esseri sovrannaturali evocati nel nostro mondo, ed abbondano sia nei documenti di fonte clericale che nei documenti provenienti dai magi, nessun riferimento si trova ad altre razze che avrebbero abitato le terre di Sosaria insieme alla razza umana. Nemmeno le vaste ricerche archeologiche, gli scavi, i reperimenti di oggetti sepolti hanno mai lasciato intendere che altre razze oltre all'umana popolassero il nostro mondo prima. Non posso concluderne con totale sicurezza che nessun'altra razza abbia abitato il nostro pianeta, ma sono ragionevolmente propenso a credere che questa sia la verità. Quale che sia la verità, quei giorni di gloria ed infamia, di conoscenza e di ignoranza, di prosperità e di schiavitù, finirono.

Secondo la Storia Ufficiale tutto questo finì per colpa di un gruppo di malvagi, troppo avidi del potere che deriva dalla conoscenza; un genere di conoscenza che non doveva essere destinato all'uomo ma rimanere a panneggio di una dimensione divina i cui unici interpreti dovrebbero essere i rappresentanti del Clero. L'eterno e ricorrente tema di Prometeo che ruba il fuoco agli dei e viene punito, di Adamo ed Eva che mangiano del frutto della conoscenza ispirati dal demonio, di Atharrath che abusa dei suoi poteri e libera forze troppo grandi da controllare. E per finire, il tema del grande Re che muore coraggiosamente per difendere il sogno di ciò che è stato ma ritornerà in un futuro lontano per liberare l'umanità dai suoi mali."

Questo è quanto racconta la Storia Ufficiale: la cacciata dal Paradiso Terrestre. E' tempo che qualcuno racconti come andarono verosimilmente le cose."

Newsletter

Resta aggiornato su tutte le novità e le nuove implementazioni, iscriviti alla nostra newsletter. Basta un click!

Vota Uoi-R

justultima.net

Free Private Ultima Online Servers
Ultima Online Servers Ultima Online Free server

Utenti Online

UOI-R Social!

Aiutaci ad accrescere la community !

 

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.
Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.