Il trattato di Vesper (171 GD)

Scritto da Uoitalia Reborn on . Postato in Uncategorised

 

Meno di un anno dopo lo storico Concilio di Cove, i sovrani di tutte le città-stato, i capi religiosi, i comandanti militari ed i rappresentanti di alcune 'libere tribù' non umane (in particolare di elfi, nani e addirittura una tribù di orchetti che avevano appoggiato a fasi alterne le forze di Yew), si riunirono a Vesper per concludere un trattato di pace che ponesse fine alle ostilità e, soprattutto, garantisse che in futuro le guerre sarebbero state bandite per sempre. Non fu semplice accordarsi sulla sede dell'incontro.

Inizialmente era stata proposta la città di Britain, ma questa ipotesi aveva irritato sia Vesper che Jehlom, Yew e Skara Brae: nessuno dimenticava che i regnanti di Britain coltivavano ancora sogni di grandezza imperiale; poi si propose Nujel'm, ma Yew e Skara Brae si opposero, non fidandosi ancora delle motivazioni del nuovo Arcivescovo.

Infine si proposero sia Jehlom che Vesper, in virtù dell'atteggiamento equilibrato (o meglio, altalenante) tenuto nel corso delle guerre; alla fine la scelta cadde sulla più blasonata Vesper. La conferenza di pace durò quasi un anno; i primi due mesi trascorsero tra furibonde discussioni, recriminazioni ed accuse reciproche ed in molti momenti si rischiò la rottura delle trattative; i bersagli più comuni dell'ira dei delegati erano la Sacra Chiesa di Sosaria e la maldigerita indipendenza ed isolazionismo di Yew e Skara Brae: ma emersero pienamente anche tutte le rivalità fra Trinsic e Vesper, le rivendicazioni di Britain sul suo 'retaggio imperiale', le feroci accuse di Jehlom contro la Chiesa e la prepotenza di Britain e Trinsic, le lamentele dei maghi di Moonglow per le persecuzioni nei confronti di chi usava la magia, le accuse reciproche di sabotaggio delle rotte commerciali fra le maggiori città isolane (Occlo, Serpent's Hold, Buccaneer's Den) e le due grandi potenze navali (Trinsic e Vesper)... e molte altre tensioni sotterranee.

Tuttavia, esauriti quei primi due mesi di litigi, la conferenza di pace passò su binari più propositivi; venne riconosciuto il diritto all'autonomia amministrativa di tutte le città stato, comprese quelle di più recente fondazione, e fu approvato un codice minimale di leggi che sarebbero entrate in vigore in tutte le città; pur con pesanti limiti sugli incantesimi considerati pericolosi lo studio e l'uso della magia fu autorizzato; fu riconosciuta la libertà di culto, pur venendo confermati i diritti del clero della Sacra Chiesa di Sosaria a mantenere i conventi, monasteri, scuole e castelli di cui era tutt'ora proprietaria; le norme sulla libertà di circolazione di merci e persone furono estese a tutte le città; accogliendo le riforme sancite dal recente Concilio di Cove, si stabilì la separazione tra cariche politiche e cariche religiose, furono aboliti i tribunali religiosi e l'amministrazione della giustizia civile fu affidata alle città; infine fu istituito un 'Congresso delle Città', formato da un rappresentante per ogni città, che sarebbe stato convocato in via ordinaria ogni sei mesi e sarebbe stato presieduto a turno da ogni città: a questo Congresso era affidato il compito di dirimere le divergenze ed i problemi di rapporto fra le città stato onde evitare che tali discordie sfociassero in nuovi conflitti armati.

Inoltre a questo Congresso fu affidato il potere unico di eleggere un imperatore, a condizione che ci fosse unanimità fra le città rappresentate. Dopo un anno di lavori i delegati poterono dire di aver fatto un buon lavoro e di aver gettato le basi per una nuova condizione di stabilità, basata sul reciproco riconoscimento e rispetto. Le uniche nubi che turbarono la fievole luce di speranza che si era accesa in quei giorni furono rappresentate dall'abbandono delle trattative da parte dei rappresentanti di Buccaneer's Den, di Serpent's Hold e di alcune altre isole minori, che rifiutarono di sottoscrivere le norme del Trattato.

Newsletter

Resta aggiornato su tutte le novità e le nuove implementazioni, iscriviti alla nostra newsletter. Basta un click!

Vota Uoi-R

justultima.net

Free Private Ultima Online Servers
Ultima Online Servers Ultima Online Free server

Utenti Online

UOI-R Social!

Aiutaci ad accrescere la community !

 

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione.
Continuando a navigare nel sito si accetta la nostra politica cookie.